Tag articolo: diritti umani

DAL CAMPIDOGLIO OLTRE 400 CANDELE PER ‘FARE LUCE’ SUI PROFUGHI SEQUESTRATI NEL SINAI

di , 6 Febbraio 2011 00:48

1° febbraio 2011- Grande successo per la Fiaccolata promossa oggi pomeriggio a Roma, sulla Scalinata del Campidoglio da CIR; Agenzia Habeshia, A Buon Diritto e Centro Astalli: oltre 400 persone, in rappresentanza di oltre 50 associazioni, hanno partecipato all’iniziativa chiedendo la liberazione dei profughi sequestrati nel Sinai. Presenti, tra gli altri: il Presidente del CIR Savino Pezzotta e il Direttore Christopher Hein, il Presidente di A buon Diritto Luigi Manconi, il Direttore del Centro Astalli padre Giovanni La Manna, il responsabile dell’Agenzia Habeshia don Mussie Zerai, il sindaco di Roma Gianni Alemanno, il consigliere della Regione Lazio Isabella Rauti,l’on.le Jean Léonard Touadi, l’ex Vice Presidente del Parlamento europeo Luisa Morgantini, la portavoce dell’UNHCR Laura Boldrini. L’iniziativa è stata patrocinata da Comune e Provincia di Roma e dalla regione Lazio.

Presenti anche molti rappresentanti di enti di tutela- tra cui padre Gnesotto (Fondazione Migrantes): Miraglia (Arci), Russo (Acli), Soldini (CGIL) e Casucci UIL- e rifugiati del Corno d’Africa

Il Direttore del CIR, Christopher Hein, – si legge in una nota dell’ADN Kronos- ha sottolineato che l’intento della manifestazione era quello di “allarmare e sensibilizzare l’opinione pubblica e politica sul dramma, che ormai da piu’ di due mesi, si consuma nel Sinai. Basta con il silenzio della comunita’ internazionale”.

“Questa mattina – ha dichiarato Hein – abbiamo avuto un incontro alla Farnesina (con i sottosegretari al Ministero per gli Affari Esteri ndr) dove abbiamo potuto parlare della situazione dei sequestrati. Abbiamo parlato anche della prevenzione affinche’ nuovi profughi non entrino ancora in questa trappola. Dal governo italiano mi aspetto da una parte, che non si dimentichi del destino di queste persone e, dall’altra, che venga fatto il possibile per arrivare alla loro immediata liberazione e, una volta liberati, che vengano fatti venire in Europa”.

“Chiediamo che nei paesi di transito come Sudan e Libia sia fatto un’opera di prevenzione, affinche’ altri siano informati e scoraggiati nel fare lo stesso viaggio. La causa di tutto questo – ha sottolineato Hein – e’ anche la chiusura della frontiera europea, come nel caso dell’Italia. Il respingimento dei profughi in Libia e’ stato solo la punta dell’iceberg. Simili politiche sono state fatte anche da Spagna e Grecia, quindi non si entra piu’ in Europa cosi’ le persone sono costrette a questo tipo di viaggi”.

Eritrei nel Sinai, il racconto di un profugo

di , 24 Gennaio 2011 00:37

La testimonianza: “Ci avevano convinto che saremmo potuti entrare in Israele senza difficoltà e che erano esperti. Nessuno dei gruppi che avevano accompagno, ci assicuravano, è stato preso dalla polizia. Bastava pagare 3.000. Ci picchiano a bastonate – ha riferito il profugo – con maniacale regolarità: due volte al giorno”

Rafah, 18 gennaio 2011. Un giovane eritreo, padre di famiglia, racconta l’inganno dei trafficanti che avevano propagandato un viaggio facile, dal Sudan verso Israele. Il racconto è stato raccolto, ancora una volta, da padre Moses Zerai, direttore dell’Agenzia eritrea Habeshia. “Ci hanno convinto che saremmo potuti entrare in Israele senza difficoltà – ha detto il giovane – perché ci hanno detto che erano esperti. Nessuno dei gruppi che avevano accompagno, ci assicuravano, è stato preso dalla polizia. Bastava pagare 3.000 dollari e potevamo fare il viaggio della speranza fino in Israele. Arrivati nel deserto del Sinai ci hanno invece portato dentro questi container sotterranei, al confine con Israele”.

Il mediatore. E’ un eritreo che si chiama Tesfamicael Araya. “Il quale ci ha fatto dare i soldi al trafficante, che ci ha portati dal Sudan nel Sinai, questo trafficante appartiene all’etnia Rashiayda, se n’è andato in Sudan consegnandoci nelle mani di un suo parente residente nel Sinai, il quale a sua volta ci ha venduti ad un altro gruppo di trafficanti, che poi è quello che ci tiene ora prigionieri. Siamo stati tenuti al buio per dieci giorni – ha proseguito il testimone – senza sapere il perché, poi ci ha detto che il primo trafficante era scappato con i nostri soldi e dunque non potevamo continuare il viaggio. Il nuovo ‘padrone’ voleva 10.000 dollari per liberarci. Eravamo una sessantina di persone, poi ci hanno divisi”.

Le bastonate quotidiane. “E’ ormai un mese – prosegue il racconto del giovane profugo – che siamo in questa situazione, siamo in 38, di cui 8 sono donne, tutti costretti a mangiare una pagnotta al giorno. Ci picchiano a bastonate con maniacale regolarità: due volte al giorno, e ci sono due addetti a questo compito, uno ci picchia di giorno l’altro di notte, spesso sono drogati. Comunque la tortura consiste nel non farci dormire di notte. Ormai molti parenti del gruppo stanno pagando, siamo rimasti in 11 persone che non abbiamo versato un euro dopo i 3.000 pattuiti all’inizio. Tra noi c’è una donna che non ha nulla e un ragazzo orfano che sicuramente non potranno pagare. Insomma, siamo ancora qui, tenuti in catene mani e piedi. Qui vicino c’è un aeroporto utilizzato delle forze ONU. Sentiamo atterrare e partire aerei. Salvateci. Fate qualcosa”.

Restano 27 ostaggi. Nel frattempo, mentre l’Egitto – come fa sapere EveryOne in una nota stampa – ha annunciato un massiccio intervento contro i trafficanti del Sinai, con un’unità speciale anti-terrorismo agli ordini del Generale Najab e con la supervisione del capo dell’intelligence per il nord del Sinai Generale Svillan, i predoni di Abu Lafi e del suo luogotenente Abu Khaled accelerano la liberazione degli ostaggi, anche di quelli che non sono riusciti a completare il pagamento del riscatto. Secondo don Moses Zerai, nei container-prigione interrati nel frutteto di Abu Khaled, restano 27 africani, fra cui quattro donne. Una ragazza è al sesto mese di gravidanza e probabilmente a rischio di perdere il bambino, a causa delle continue violenze.

Il 29 manifestazione a Milano. I maltrattamenti, dopo la campagna internazionale per la liberazione dei profughi, sono comunque diminuiti, tanto che i Medici per i Diritti Umani di Jaffa non hanno riscontrato tracce evidenti di torture visitando i migranti liberati di recente. Nel frattempo numerose adesioni raggiungono EveryOne, l’Associazione Profughi Eritrei della Lombardia e il Gruppo Facebook “Per la liberazione dei prigionieri nel Sinai” riguardo alla manifestazione prevista per il 29 gennaio davanti alla Rappresentanza della Commissione europea a Milano.

fonte: repubblica.it

A che punto è la notte nel Sinai?

di , 16 Gennaio 2011 01:35

Situazione attuale dei profughi africani nelle mani dei predoni in Egitto, reazioni da parte delle istituzioni internazionali, prospettive e speranze sia per la sorte dei migranti ancora in catene, sia riguardo all’urgenza di iniziare a combattere efficacemente il traffico di migranti, di schiavi e di organi umani. Prosegui la lettura 'A che punto è la notte nel Sinai?'»

Rifugiati nel Sinai: il 26° congresso FNSI-Federazione nazionale della Stampa Italiana approva appello all’Unione Europea

di , 16 Gennaio 2011 01:24

14 gennaio 2011- Il 26° congresso della Fnsi a Bergamo – si legge in una nota ufficiale della Federazione- ha approvato all’unanimità il seguente appello all’Unione Europea: “Il Ventiseiesimo Congresso della Federazione nazionale della Stampa, riunito a Bergamo, lancia un appello all’Unione europea e alla Comunità internazionale perché assumano immediatamente un’iniziativa volta alla liberazione dei 250 africani, in gran parte eritrei, tenuti incatenati dai predoni nel Sinai ormai da quasi tre mesi, con la promessa di liberarli soltanto in cambio di un riscatto di 8 mila dollari.

Si conosce il luogo della detenzione, dieci container metallici in un frutteto alla periferia sud della città egiziana di Rafah, al confine con Israele. Si conosce il nome del capo dei predoni, il beduino palestinese Abu Khaled, che si avvale di 20 uomini armati, e si conoscono addirittura i cellulari dei sequestratori, prestati agli ostaggi per chiedere i soldi del riscatto ai parenti emigrati in Europa e in altri paesi. Il governo italiano ha gravi responsabilità, perché molte decine di questi sequestrati furono respinti in mare su ordine delle nostre autorità, nel giugno del 2010, senza poter presentare la richiesta di asilo politico che, nel caso di cittadini eritrei, viene sempre accettata, a causa del regime sanguinario dal quale fuggono. Otto ostaggi sono già stati uccisi dai predoni, quattro, impossibilitati a pagare il riscatto, sono stati sottoposti a un’operazione di espianto degli organi mentre alcune donne sono state ripetutamente violentate.

Il Ventiseiesimo Congresso della Fnsi nel rilanciare la domanda che don Mussie Zerai dell’Agenzia umanitaria Habeshia e i dirigenti della Onlus EveryOne hanno posto nei giorni scorsi: cosa sarebbe mai successo a livello mediatico e politico, se tra i 250 sequestrati ci fossero stati cittadini europei o nordamericani o giapponese, impegna i direttori delle agenzie, dei giornali su carta e online, e tutte le emittenti radiotelevisive italiane, perché diano il massimo risalto alle notizie che vengono dal Sinai”.

sito: www.fnsi.it –

Rifugiati sequestrati nel Sinai, Frattini risponde a Pezzotta e ad altri parlamentari

di , 16 Gennaio 2011 01:07

11 gennaio 2011- Il Ministro degli Affari Esteri Franco Frattini ha risposto alla lettera inviata in data 10 dicembre da alcuni parlamentari – primo firmatario l’on.le Savino Pezzotta – sulla questione dei rifugiati tenuti in ostaggio nel Sinai. Il Ministro ha confermato l’immediata attivazione della Farnesina con le Autorità egiziane, “rappresentando l’attenzione e la sensibilità con cui le Istituzioni italiane e l’opinione pubblica guardano alla vicenda ed esprimendo loro il vivo auspicio che si possa arrivare rapidamente a una soluzione positiva”.

Il Ministro Frattini nella sua lettera ricorda che la “nostra Ambasciata al Cairo ha mantenuto stretti contatti operativi con le Autorità egiziane competenti e continua tuttora a svolgere un’azione di consultazione a tutti i livelli con il Ministero degli Affari Esteri e il Ministero della Famiglia e della Popolazione del Cairo”. (…) Le controparti hanno tenuto ad evidenziare come il Governo e le forze di sicurezza egiziane siano impegnati in prima linea per contrastare il traffico di esseri umani condotto dai beduini, fenomeno di cui il Paese si considera vittima”.

“Le stesse Autorità egiziane – scrive Frattini- hanno precisato che, a loro giudizio, l’episodio si inquadra nel più generale fenomeno del continuo flusso di emigranti africani che attraversano il Sudan, l’Egitto e il Sinai per cercare di giungere in Israele o in altre destinazioni (trattandosi quindi di un flusso migratorio che non porta all’Italia o all’Europa)”

Per quanto concerne l’interessamento dell’Unione europea, il Ministro Frattini ricorda di avere sensibilizzato la Commissione “sull’importanza che attribuiamo alla vicenda” e di aver segnalato la questione anche alla Delegazione dell’Unione europea al Cairo“(…)che ha compiuto un primo e importante passo presso il Ministero degli Esteri egiziano al fine di ottenere informazioni e avviare possibili iniziative, cui da parte italiana non si mancherebbe di concorrere”.

Il Ministro ricorda che sono stati intrapresi contatti anche con l’UNHCR e l’OIM.

Frattini conclude assicurando che il Governo sta continuando ad agire in varie direzioni per giungere ad una soluzione positiva del caso e che non cesserà di seguire con la massima attenzione la questione per superare questa drammatica vicenda umanitaria e giungere alla liberazione dei prigionieri.

Hanno ammazzato altri tre profughi eritrei

di , 30 Novembre 2010 22:08

Nel Sinai l’incubo di un popolo in fuga.
Sono sei i profughui eritrei uccisi dai trafficanti che da oltre un mese tengono in ostaggio 80 rifugiati in fuga verso Israele che avevano già pagato 2.000 dollari a testa per il viaggio. Gli aguzzini avevano rilanciato a 8.000 con il camion fermo nel deserto al confine con Israele. L’appello dell’Onu.

ROMA – Ne hanno ammazzati altri tre. Dunque adesso sono sei i profughui eritrei uccisi dai trafficanti che da oltre un mese tengono in ostaggio 80 rifugiati 1 in fuga verso Israele e che avevano già pagato 2.000 dollari a testa per il viaggio.

Continua a leggere su Repubblica.it

Eritrea, giornalisti sempre più sotto tiro

di , 5 Novembre 2010 00:57

Il governo eritreo sta accentuando la repressione politica nei confronti dei giornalisti con arresti arbitrari e torture. Lo denuncia l’associazione dei giornalisti dell’Africa orientale (Eaja) che ne chiede la liberazione esprimendo sdegno e condanna per i metodi usati da Asmara nei confronti dei reporter detenuti in uno stato di “brutale oppressione”.

Prosegui la lettura 'Eritrea, giornalisti sempre più sotto tiro'»

Gruppo Missionario Shaleku - via di Gherardo, 16 Prato

per eventuali donazioni: BANCA POPOLARE ETICA - Filiale di Firenze -EU IBAN: IT45 G050 1802 8000 0000 0120 997